Trento
Trento, città d'arte e di storia collocata al centro degli itinerari fra il Lago di Garda e le Dolomiti, fra le città della pianura italiana di Venezia e Verona, e quelle alpine di Bolzano e Innsbruck, è anche un importante centro di incontro fra la cultura italiana e quella mitteleuropea.
 


Città romana e città del Concilio, Trento conserva nei suoi prestigiosi monumenti tutto il patrimonio culturale lasciato nei secoli dall'incontro fra le due tradizioni, quella italiana e quella nordica, che tutt’ora caratterizzano la variegata mistura degli stili architettonici.

Nello storico percorso che da Piazza del Duomo si snoda fino al Castello del Buonconsiglio, capolavori del Rinascimento si fondono armonicamente con altri stili architettonici – gotico, romanico, barocco – che insieme alla Trento romana (l’antica “Tridentum”) raccontano degli oltre 2000 anni di storia di questa città, dei suoi otto secoli di Principato Vescovile e del Concilio che nel Cinquecento la rese famosa nel mondo (XIX Concilio Ecumenico di Trento, 1545-1563).

 

 

Il Castello del Buonconsiglio
Innalzato su di un colle roccioso proprio a ridosso delle duecentesche mura urbane, fu sede indiscussa del potere dei Principi Vescovi di Trento, fino alla secolarizzazione del Principato (1802). Sono visibili i rimaneggiamenti nel corso dei secoli, soprattutto a partire dalla fine del Quattrocento con l’avvento dell'Umanesimo, una delle epoche più caratteristiche del Rinascimento. Accanto all'originario nucleo, la cilindrica Torre d'Augusto e il Palazzo Vecchio, il principe vescovo Bernardo Clesio fece erigere il Magno Palazzo, sontuosa sede di intesa attività politica. Ovunque appaiono i suoi simboli araldici, come lo stemma bipartito o quadripartito con alternato leone rosso rampante in campo bianco, il ramo di palma intrecciato a quello d'ulivo, le sette verghe unite dalla scritta "unitas".

La Giunta Albertiana, voluta dal principe vescovo Francesco Felice Alberti in epoca barocca (1686), congiunge il Palazzo Vecchio al Magno Palazzo. Nel 1796 venne occupato dalle truppe di Napoleone e successivamente adibito a caserma dell'Impero Austriaco fino al 1918. Passato di proprietà allo Stato, nel 1974 venne ceduto alla Provincia Autonoma di Trento che vi incentivò sapienti lavori di restauro, che proseguono tutt'oggi. Il castello diviene così palcoscenico di prestigiose mostre d'arte antica, d'importanti incontri e di festose manifestazioni culturali.
Aperto tutto l'anno da martedì a domenica, lunedì chiuso.
Indirizzo: Via Bernardo Clesio, 5, Trento, tel. 0461/233770, www.buonconsiglio.it.

 

Lago di Molveno
Quello di Molveno è il più grande lago alpino di origine naturale situato in territorio italiano ad una quota superiore agli 800 metri.
Il lago è incorniciato a ovest dalle vette della catena centrale (le più alte) del Gruppo di Brenta, a sud-est dalla dorsale del massiccio montuoso Paganella-Gazza.
A nord-est sulle rive del lago, sorge l'abitato di Molveno.

Le rive del Lago di Molveno sono caratterizzate da una bellissima spiaggia nella parte settentrionale, da scogli, cale, spiaggette, prati e boschi altrove. Il suo perimetro è completamente percorribile a piedi, in bicicletta, a cavallo.



 

Altopiano della Paganella
La particolare posizione dell'Altopiano della Paganella consente un'impareggiabile vista a 360° del Trentino e delle Dolomiti. Facilmente raggiungibile grazie alla vicina uscita dell'Autostrada del Brennero nel fondovalle, l'Altopiano, che varia dagli 800 ai 1000 m., è punto di arrivo di splendide piste, che partono dai 2125 m. di Cima Paganella e corrono principalmente lungo il versante ovest della montagna.
Da non perdere ogni anno la Skiramela, variegata kermesse tutta dedicata al telemark.


 
 
 
La Strada del Vino e dei Sapori, un percorso pensato per accompagnare, mano nella mano il turista alla scoperta della Piana Rotaliana, della sua gente e dei suoi prodotti.

 

"Cose di Casa"
Museo di Famiglia che raccoglie oltre 1600 oggetti di quattro generazioni di attività della famiglia de Varda.
Clicca qui per saperne di più!

 

 

 

 

Distilleria Villa de Varda

 

home | ita | eng